Ricorda la scelta



Copyright © 2016 SpA Birra Peroni - Via Renato Birolli 8, 00155, Roma, Italy - P.IVA 06996881006
>
Via d'Aquino 68 È il 15 aprile del 1919 quando il Sig. Vitantonio Raffo fonda la sua “Fabbrica di Birra e Ghiaccio” dando di fatto inizio alla lunga storia della nostra amata birra di Taranto.
30 ettolitri di bontà Nel maggio del 1921 viene effettuata la prima cotta. La caldaia aveva una capienza di 30 Hl e la birra veniva poi conservata in botti di rovere.
Il primo formato “Birra Raffo-Taranto”, con questa scritta in rilievo venivano identificate le prime bottiglie da 900 e 350 cl con cui veniva commercializzata al dettaglio. Per gli spacci della città il formato era decisamente più grande, scorte di birra conservate in barili di rovere da 20 litri.
Arrivano gli inglesi Durante la Seconda Guerra Mondiale la birra Raffo offre il suo contributo agli alleati. Si interrompe la produzione e nel 1943 la fabbrica viene utilizzata dalle truppe Inglesi come deposito di automezzi.
La ripresa La produzione riprende nel 1946 sotto la gestione dei fratelli Nicola e Domenico Raffo. Inizia un periodo di crescita ed espansione. La Raffo supera i confini regionali e inizia ad essere distribuita anche in Calabria e Basilicata.
La birra dei Tarantini La Raffo è diventata il simbolo di Taranto e della sua gente. Una birra di qualità che ogni anno celebra due mari ed una città con l’ormai attesissimo appuntamento del Raffo Fest.
Ogni occasione è buona per gustare una Raffo Bevila ghiacciata a 4°C, lasciati conquistare dal suo aroma delicatemente fruttato, dal suo colore chiaro e il suo aspetto brillante.
Scopri anche la nuova Raffo Limone, rinfrescante bevanda in edizione limitata per l’estate. Scegli la tua preferita.
Lattina 50cl Il formato comodo per bere una Raffo dove vuoi, preserva intatto il gusto della nostra birra preferita.
Bottiglia 33cl La classica Raffo, nella sua bottiglia tipica, perfetta per essere bevuta gelata come piace a noi; disponibile anche in formato da 3 bottiglie.
Bottiglia 66cl La Raffo per chi ama condividere.
Fusto Il gusto di una Raffo appena spillata esalta le sue note secche e aromatiche, servito nel bicchiere biconico con il Taras in serigrafia.
Domanda: La birra in lattina è la stessa nella bottiglia? Questa idea deriva dagli anni ‘60 e ’70, quando le lattine (specialmente negli USA) erano in ferro e di bassa qualità; Oggi la tecnologia si è evoluta di molto: dal ferro siamo passati all’alluminio e a strati di materiale che separano l’ alluminio dal suo prezioso contenuto, quindi…la birra che viene messa in lattina è della stessa qualità di quella che viene imbottigliata. Che poi sia buona la birra è un altro discorso…(ma se sei un amante di Raffo lo sai che nessun’altra è buona come lei) Domanda: il sapore della birra in lattina cambia? In realtà è il modo migliore per preservarlo intatto: uno dei nemici principali della birra è l’ossigeno, che causa una serie di reazioni chimiche che danno alla birra lasciata aperta quel sapore di carta bagnata. Una lattina è perfettamente sigillata e blocca completamente l’ingresso dell’ossigeno, rendendo la birra più stabile e meno propensa ad ossidarsi. “L’ultima volta che ho bevuto una birra in lattina, non mi è piaciuta” E’ possibile, può esserti capitato di bere una birra “non buona”, ma non per colpa della lattina. Le lattine di alluminio di oggi hanno rivestimenti fatti di polimeri super-high tech che proteggono il gusto e il profumo da qualsiasi contaminazione metallica. Ci sono produttori di lattine che stanno addirittura testando diversi rivestimenti protettivi per diversi tipi di birra. Ci piace la scienza quando migliora la nostra bevuta. Domanda: La birra si mantiene bene nella lattina? Dicono che invecchiando si migliori, si diventa più saggi, con più conoscenza… lo stesso purtroppo non vale per la birra. Generalmente quello che normalmente ci fa dire che una birra è vecchia è quello che i professionisti chiamano “gusto di luce”. In termini tecnici c’è una reazione chimica tra il luppolo e la luce blu dello spettro visibile (bonus geek: il responsabile di questo cambiamento di sapore è l’isoumulone, un composto che fa parte del luppolo e che gli da il suo gusto amaro, che reagisce con la “luce blu”, che è la parte di luce con lunghezza d’onda tra 450 a 475 nm). La lattina chiude letteralmente tutte le porte alla luce e la birra può stare in santa pace senza il rischio di abbronzarsi. Domanda: perché una lattina invece della bottiglia? Magari al bar o a casa la bottiglia è comoda, ma se ti piace bere mentre vai in barca, al mare o qualsiasi altra attività dove è il tuo zaino a portare da bere, il vetro ha quel brutto difetto di tendere a rompersi, specialmente se ha intorno qualcosa che si possa inzuppare. Ma se mentre ti godi il tuo tempo all’aperto e vuoi una ottima Raffo fredda e ben conservata…prendi la lattina, mantiene meglio il fresco, conserva il sapore intatto e…non espone le tue cose alla possibilità di un bagno nella birra. In più l’alluminio pesa molto meno di una bottiglia, la tua schiena ti ringrazierà. Domanda: ma le lattine sono pulite? Qualche anno fa effettivamente esplose uno caso relativo allo sporco che si può accumulare sul top delle lattine…degli altri! Noi imballiamo i vassoi delle lattine nella plastica, sopra, sotto e intorno, per essere sicuri che nulla si depositi dove poi andrai ad appoggiare la bocca. …e se la lattina rimane aperta con ancora della birra dentro? Non scherziamo dai, finisci l’ultimo sorso e non ci pensare! E ricordati che di alluminio ce n’è (davvero) poco al mondo, quindi ricicla più che puoi!
SCOPRI DI PIÙ SULLA LATTINA
Diamo inizio all'estate tarantina con tutta l'energia e il calore del Raffo Fest. Quest'anno ad esibirsi sul lungomare di Taranto saranno i Subsonica, insieme a tanti altri artisti nazionali e locali, presentati da Pippo Lorusso. Ti aspettiamo il 26 giugno, dalle 19.00, per dare il via alla festa.
SCARICA LA LOCANDINA.
Due colori, una bandiera, una passione
Birra Raffo accompagna il Taranto football Club nel suo percorso in serie D.
Un cammino guidato dal grande amore dei tifosi tarantini per la propria città e per i suoi colori.
SERIE D GIRONE H 2015/16
Nardo' 54    Marcianise 36  
Virtus Francavilla 54    Turris 36  
Taranto 52    Manfredonia 35  
Francavilla 47    San Severo 33  
Unicusano Fondi 44    Isola Liri 33  
Bisceglie 41    Serpentara B.o. 31  
Pomigliano 41    Az Picerno 25  
Potenza 38    Aprilia 22  
Torrecuso 36    Gallipoli 18  
Picerno - Taranto0 - 3Serpentara B. - Taranto0 - 0
Taranto - Isola Liri2 - 0Taranto - P. Marcianise2 - 1
Torrecuso - Taranto2 - 2Pomigliano - Taranto2 - 2
Taranto - San Severo2 - 1Taranto - Francavilla1 - 2
Turris - Taranto2 - 0Taranto - Manfredonia2 - 0
Taranto - Nardò2 - 2Fondi - Taranto3 - 2
Aprilia - Taranto1 - 0Taranto - Bisceglie2 - 0
Taranto - Gallipoli1 - 0V. Francavilla - Taranto2 - 1
Potenza - Taranto2 - 1Taranto - Picerno3 - 0